Il virus degli sciacalli

Proseguono a Milano i controlli a tappeto dei Finanziari contro gli speculatori dell'emergenza e sulla vendita abusiva o a prezzi esagerati di mascherine protettive, gel e prodotti igienizzanti.

Nel corso di numerosi controlli sul commercio dei prodotti per prevenire il contagio da coronavirus, la Guardia di Finanza di Milano ha scoperto quattro venditori, abusivi o irregolari, e sequestrato centinaia di mascherine protettive. Verifiche in corso su spray igienizzanti venduti in un mercato rionale.

Il risultato è frutto del dispositivo di prevenzione e di controllo attivato in questi giorni su tutto il territorio provinciale dalle Fiamme Gialle milanesi per contrastare possibili fenomeni di aumento ingiustificato dei prezzi o altre condotte illecite connesse alla commercializzazione di dispositivi di protezione individuale e disinfettanti nell’attuale situazione di emergenza sanitaria per la diffusione del coronavirus.

Nella sola giornata di oggi sono stati impiegati decine di militari che, oltre a monitorare i prezzi dei beni in vendita in numerose attività commerciali, hanno pattugliato diverse aree della città e dell’hinterland particolarmente frequentate da venditori abusivi, tra cui le stazioni ferroviarie e della Metropolitana nonché i mercati rionali.

I controlli nella Stazione centrale e metropolitana

In particolare, nel corso di quest’attività, i Finanzieri del 1° Nucleo Operativo Metropolitano di Milano in tre distinti interventi, presso la Stazione Centrale, la Stazione di Lambrate e la Stazione Metro Gioia, hanno sorpreso altrettanti venditori, di cui due abusivi, tutti di nazionalità extracomunitaria, che cedevano ai passanti mascherine protettive prive del marchio CE. I beni sono stati sequestrati e i venditori sono stati sanzionati.

Inoltre, durante un controllo effettuato in un mercato rionale nel mirino dei militari è finito un ambulante italiano che aveva esposto centinaia di flaconi di spray igienizzante, in vendita a un prezzo elevato, su cui sono in corso ulteriori accertamenti per verificarne il valore e la provenienza, anche con riguardo alla sicurezza del prodotto.

Nell’occasione, peraltro, l’ambulante è stato sanzionato perché si avvaleva di un collaboratore “in nero”, di nazionalità extracomunitaria.

I Finanzieri proseguiranno costantemente i servizi delle specie per tutto il periodo dell’emergenza a tutela dell’economia e della salute dei cittadini, contrastando le condotte illegali di coloro che approfittano del particolare stato emotivo che in questo periodo sta vivendo la gente nonché della difficoltà a reperire sul mercato i generi in questione.

error: Content is protected !!